Dove andiamo?

Isola privata, tramonto, io e te: JW Marriott Venice Resort & Spa

Isola privata, tramonto, io e te: JW Marriott Venice Resort & Spa

Il JW Marriott Venice Resort & Spa,  aperto la scorsa primavera, e’ una fuga su un’isola privata veneziana, l’Isola delle Rose, prima chiusa al pubblico.

Un rifugio per soggiorni romantici e fughe rilassanti verso un mondo lontano dal brulicare di gente di Venezia, a quindici minuti di transfer da Piazza San Marco.

Una volta sbarcati ci si rende subito conto della magia del luogo.

Un’oasi di tranquillità, mare, sole, dove dedicarsi alla riscoperta del tempo prezioso, di ritmi rilassati, di giochi e vedute del passato.

Non un classico hotel extra lusso, ma un resort che occupa un’intera isola.

Isola dove dedicarsi con il proprio amato un weekend o una vacanza anche di qualche settimana, per un’occasione speciale, un matrimonio o una fuga romantica (vale anche per chi si vuole dedicare una vacanza romantica ma con pargoli a seguito, qui c’e’ tutto quel che serve per accontentare i più piccini).

Gli edifici storici degli anni ’20 e ’30, come l’ospedale  e le aree verdi (compreso un bellissimo ulveto)  sono stati recuperati dallo studio Thun.

Per la notte cinque le possibilità: l’edificio principale, con camere con ampie vetrate e balconi affacciati sugli orti e sul parco.  La residenza centrale, con giardini privati e affacciata sulla laguna.  

L’Uliveto, con viste sugli antichi uliveti, 20 suite su due livelli, ciascuna con patio e giardino privato; alcune dotate di piscina privata con vista sul canale, gli uliveti e la chiesa, adatte in particolare alle famiglie.

Infine la suite, una casa esclusiva,  rifugio privato con due camere da letto, piscina e giardino (per capirci, dove Alvaro Morato e la sua dolce Alice hanno scelto di soggiornare durante il loro faraonico matrimonio).

Tre i ristoranti: un primo, easy, al piano terra dell’hotel, dove si fa anche la colazione, con piatti preparati a vista dagli chef. Il Sagra, al 4° piano, rooftop davanti alla piscina a sfioro, con vista sul parco e sulla laguna, perfetto per un lunch leggero o una cena romantica, infine e lo stellato Dopolavoro (vecchio edificio mantenuto esattamente come allora, il dopolavoro di qui lavorava).

Per l’aperitivo e gustare i tipici cicchetti veneziani (avrete poca fame dopo il superbo Cicchetto offerto da Riccardo!) e godersi un tramonto mozzafiato c’è il  Poolside Bar, sempre al 4° piano dell’hotel, con vista a 360 gradi sull’intera Venezia.

A proposito di trattamenti: si può iniziare con un trattamento Spa speciale, il nuovo trattamento all’olio d’oliva. Creato per dimostrare i benefici dell’olio di oliva, questo trattamento esfoliante, unico nel suo genere, usa esclusivamente olio di oliva prodotto sull’Isola delle Rose, ideale per nutrire e ammorbidire la pelle, e erbe aromatiche coltivate nei giardini dell’isola.


Dico solo che al momento di riprendere il vaporetto di rientro l’univo mio pensiero (a parte il grazie) era quando poterci ritornare e come poter raccontare che posto magico fosse questo.